top of page

Come ci creiamo la nostra realtà – senza nemmeno saperlo! - Parte 1

Perché situazioni simili spesso si ripetono? Come mai nella nostra vita sentiamo sempre la stessa melodia?


È davvero incredibile quante scelte ognuno di noi avrebbe a disposizione.

È come se un compositore avesse a disposizione tutte le note e gli strumenti immaginabili e potesse metterli insieme a suo piacimento per creare il miglior arrangiamento musicale possibile. Eppure compone lo stesso pezzo ancora e ancora. Una vita intera della stessa melodia. Ma perché?


 

Gli Autori:

Myriam Perosa – Il dispositivo diagnostico umano

è in grado di richiamare con precisione ogni tipo di informazione sulla "vita, l'universo e tutto il resto". Cosa o chi siamo veramente? Come nascono e funzionano le nostre dinamiche di vita e cosa le influenza? Per le persone che la contattano a questo proposito, utilizza la sua capacità per identificare, ad esempio, le cause di situazioni di vita ricorrenti, stati emotivi o persino sintomi fisici. Di recente la correttezza delle informazioni dal lei 'ricevute' è stata confermata da un laboratorio di genetica umana.


Dennis A. Masseit

come coach formato in molte aree specialistiche possiede di un profondo know-how e un'esperienza pluriennale nel trattare con le persone e nel dissolvere temi difficili in modo rapido, duraturo ed efficiente. Ha tenuto relazioni nelle università e ha lavorato con numerosi top manager e atleti di alto livello.


 

Una vita intera la stessa melodia ...

Le note di cui può avvalersi il compositore della melodia della nostra vita - ma anche delle singole situazioni di vita - sono tutte le informazioni che il nostro sistema metafisico, come un gigantesco contenitore di dati, porta in sé. Informazioni come le esperienze piacevoli e meno piacevoli del nostro passato. Le preoccupazioni e le paure per il futuro, le esperienze dei nostri antenati e una serie di altre aree che ci influenzano sono memorizzate come particelle nel nostro sistema metafisico. Soprattutto le esperienze e le informazioni che attivano (ancora) emozioni e sentimenti (indipendentemente dal fatto che ne siamo consapevoli o meno) giocano un ruolo decisivo nella composizione dei nostri brani musicali. Attraverso la costante interazione e gli effetti incrociati tra il nostro corpo-materia e il nostro sistema metafisico, si decide quale melodia verrà suonata.

Scritta sotto forma di notazione musicale, una composizione di questo tipo verrebbe anche chiamata "partitura".

Alcune Partiture composte dalle informazioni memorizzate danno luogo a una melodia armonica, altri a una composizione triste o drammatica, altri ancora sono semplicemente una sequenza di note senza alcun nesso percepibile.

 

Questi specifici arrangiamenti di note, quindi l'interazione di informazioni, sentimenti ed emozioni, costituiscono la base per l'emergere di situazioni future!


 

E quindi, come mai ci capita di ascoltare costantemente composizioni simili?

La risposta è molto semplice:

Li sentiamo perché siamo noi stessi a suonarli continuamente! E di solito non sappiamo nemmeno che lo stiamo facendo.


Ma le note musicali da sole non producono toni udibili. Potremmo avere a disposizione un numero quasi infinito di composizioni, ma finché le note non vengono suonate, rimangono semplicemente delle note su un pezzo di carta.

Le informazioni, quindi, devono prima essere attivate per produrre un impatto significativo. Se non vengono attivate, rappresentano semplicemente zavorra. È come se portassimo costantemente centinaia di partiture in uno zaino sulle spalle, di cui solo cinque verrebbero suonate. A un certo punto ci renderemmo conto di quanto sia diventato pesante il nostro zaino.

Quindi, affinché le composizioni possano produrre un effetto, abbiamo bisogno di uno strumento musicale e di qualcuno che lo suoni. Nel nostro caso abbiamo addirittura un'intera orchestra, ovvero il nostro sistema metafisico con tutte le sue innumerevoli componenti.

Chi manca ancora? Il direttore d'orchestra.

Perché è lui che elabora con l'orchestra il brano da eseguire, ne determina la velocità (tempi), gli strumenti musicali da utilizzare e, soprattutto, stabilisce quali composizioni verranno eseguite.

E chi è il direttore d'orchestra?

Noi stessi siamo il direttore! Non è fantastico?

 

Dirigiamo continuamente un'orchestra di cui non sappiamo nulla. E questa orchestra suona pezzi di musica di cui non conosciamo nemmeno la partitura. Grandioso!

 

Quasi l'unica cosa che noi di tutto questo notiamo sono le reazioni del pubblico. Perché il pubblico rappresenta le nostre concrete situazioni di vita!


Attraverso il pubblico, riceviamo continuamente feedback su ciò che la nostra orchestra sta suonando. Se il pubblico lancia uova, ora sappiamo perché.


 

In altre parole: Se ci troviamo costantemente in situazioni spiacevoli simili, dobbiamo cambiare le informazioni nel nostro sistema. Dobbiamo riscrivere le partiture e interagire consapevolmente con la nostra orchestra.

 

Perché gli aforismi e le affermazioni così raramente funzionano


Questa "ricomposizione" spesso viene tentata come segue:

Cerchiamo da qualche parte melodie alternative al di fuori di noi stessi, volentieri chiamate anche aforismi, saggezze di vita o affermazioni. Ad esempio: "Sono unico, prezioso e insostituibile!". È vero. Ogni essere umano è unico, prezioso e insostituibile. Ma chi è davvero convinto di questo? Soprattutto perché la nostra orchestra di solito suona una melodia completamente differente. E anche se cerchiamo di convincere noi stessi di questo nuovo "credo", ma questo non modifica le informazioni nel nostro sistema metafisico!

Ciò significa: Il direttore d'orchestra può avere una melodia diversa che gli gira per la testa, ma l'orchestra ha ancora i vecchi fogli di musica sui leggii. E quindi continuerà a suonarli.

 

Tecniche come il lavoro con affermazioni "positive" possono diventare davvero utili quando le informazioni boicottanti sono già state distaccate dal nostro sistema e i programmi sono stati dissolti. Perché a quel punto rimangono solo gli automatismi di pensiero, cioè abitudini che possiamo effettivamente cambiare in modo consapevole e con la pratica.

 

Supponiamo di essere riusciti a riscrivere radicalmente alcune partiture. Già questo sarebbe fantastico! Ma ci sono ancora alcune note strane che non si adattano al pezzo e suonano in modo orribile. Oppure: tutti gli strumenti suonano il nuovo pezzo all'unisono, solo i trombettisti suonano ancora dal vecchio spartito. Quale sarà la reazione del pubblico?


Il punto è:

Finché non rimuoviamo dal nostro sistema tutte le informazioni boicottanti e sabotanti e non impariamo a interagire con la nostra orchestra e a dirigerla in modo che diventi una squadra, non possiamo aspettarci di "creare" la vita secondo la nostra immaginazione.



 

Il motivo per cui queste composizioni giocano un ruolo così importante e perché voliamo alla cieca nella vita, per così dire, lo approfondiremo nella seconda parte di questo articolo. Continua a leggere ...

 



Comments


bottom of page